Peppa Pig World: dentro al cartone animato!

Peppa Pig World: dentro al cartone animato!

Peppa Pig World - Casetta di PeppaNon era esattamente di strada, nel nostro itinerario vacanziero da Norwich alla Cornovaglia via Londra. Il Peppa Pig World, infatti, si trova poco fuori Southampton. Però la deviazione era d’obbligo, dopo la visione con pupa di non so quanti episodi dei relativi cartoni animati e considerata la vasta collezione di “peppate” varie (stickers, libri, cappellini e borsette) che campeggia in casa nostra…

Il mondo di Peppa Pig è un’area inaugurata nel 2011 all’interno di Paulton’s Park. Noi abbiamo del tutto ignorato il resto del parco e siamo andati dritti al nostro obiettivo, con la piccolina particolarmente eccitata. Varcato l’ingresso, sembra di essere dentro al cartone animato!

Peppa Pig World - Casetta di PeppaPer prima cosa abbiamo visitato la casetta di Peppa, trovando tutta la famiglia in cucina. I personaggi erano semi-mobili e parlanti (pronunciavano le battute dell’episodio ”pancakes”). Da sola, l’espressione della nostra pupetta davanti a questo spettacolo è valsa viaggio e biglietto d’entrata (gratis per lei) :-).

Poi abbiamo provato le varie “rides”, tutte adatte a bimbi anche molto piccoli e ispirate ai vari personaggi: il trenino di Grandpa Pig, il percorso sull’auto di Daddy Pig, le barche (ancora di nonno Pig), il giro in groppa a Mr Dinosaur (qui però per poter accedere i bimbi devono superare il metro di altezza). Sulle attrazioni sono ammessi anche i genitori, e confesso che noi ci siamo divertiti. A me poi piaceva sentire i commenti entusiasti dei bambini emozionati e raggianti: English kids & English comments ;-)

Peppa Pig World - La macchina di Daddy PigPeppa Pig World - Barche di GrandPa Big

 

 

 

 

 

 

Una delle corse l’abbiamo fatta sulla mongolfiera che ci ha fatto “salire in cielo” (cit.) a vedere il parco dall’alto, tra caroselli di nuvole. Naturalmente siamo entrati anche nella scuola di Madame Gazelle, dove c’è una specie di set fotografico (gli scatti “ufficiali” costano sugli 8£ ma si può anche fare da sé!). Sull’altro lato della scuola corre un portico dove, ad intervalli di un paio d’ore circa, compaiono Peppa e George dal vivo per salutare il pubblico e farsi accarezzare dai più piccini.Peppa Pig World - Mongolfiera

Tra un’attrazione e l’altra abbiamo fatto tappa anche nello spazio attrezzato con scivoli e giochi (Mr Potato’s playground) evitando invece l’area per sguazzare nelle Muddy Puddles (aehm, qui i bimbi British erano assolutamente scatenati, parzialmente o completamente nudi nonostante un certo venticello… K. è stata brava e non ha insistito per entrare in questo recinto di perdizione ;-)).

Sparsi tra le giostre nel parco ci sono alcuni chioschi e ristori graziosamente a tema che offrono essenzialmente snack (altrove nel parco si può mangiare in ristoranti o fast-food, ma naturalmente quasi tutte le famiglie arrivano ben organizzate con lunch boxes per il picnic e mangiano al sacco). E poi – certo, certo! – c’è uno shop bello grande, dove si trovano moltissimi pupazzi, zainetti, magliette e gadget vari. Noi abbiamo scelto ricordini piuttosto sobri, tra cui il Souvenir Storybook dove abbiamo scritto la data della visita.

È vero che in tutto siamo rimasti poco più di mezza giornata, ma devo dire che al momento di uscire – il parco chiude al britannico orario delle cinque e mezza pomeridiane - non avrei disdegnato di fermarmi un altro po’!

Il Peppa Pig World resterà un bel ricordo dell’estate 2013 :-)

 

 

Be Sociable, Share!